martedì 24 agosto 2010

Vandana Shiva a Cisternino

Una fresca serata d’agosto ha fatto da cornice al racconto appassionato di una grande donna, la scienziata e ambientalista Vandana Shiva, nota in tutto il mondo per la chiarezza delle sue posizioni in tema di globalizzazione, ogm, biodiversità, colture intensive, desertificazione, e di ciò che lei chiama “la democrazia della terra”.

La platea, ospitata sull’aia della Masseria Montereale a Cisternino, splendido esempio di masseria fortificata, per una ora ha ascoltato rapita il racconto, prima in inglese e simultaneamente tradotto in italiano, di Vandana Shiva, che ha da subito espresso un ringraziamento alla Regione Puglia, e ai suoi governati, per la presa di posizione sulla questione dell’acqua e, contestualmente, della sua gestione, per poi partire con il suo lungo e impegnato viaggio a ritroso negli anni alla scoperta di luoghi a noi sconosciuti, ma che attraverso le parole della scienziata si sono dispiegati nel buio della notte, tra differenze geomorfologiche e analogie nelle lotte per i diritti dei popoli.

Il racconto di questa donna ha spalancato le porte della percezione sensoriale, come forse gli organizzatori del Festival dei Sensi speravano accadesse. Non poteva essere altrimenti, vista la gravità dei temi trattati e l’urgenza con cui gli stessi ribaltano l’agenda politica.

L’edizione 2010 del Festival dei Sensi è volta al termine, dunque, parlando di acqua e di lotte, di diritti non acquistabili perchè non in vendita, si è parlato di multinazionali e di governi ostili e altre storie di ordinaria sopraffazione. Ma si è parlato anche di speranza, di solidarietà tra i popoli e di vittorie dell’umano sul capitale, eterno corruttore dell’animo umano.

di Vito STANO
pubblicato su vglobale.it

Nessun commento:

Posta un commento