giovedì 28 ottobre 2010

Al via le escursioni nel Parco dell'Alta Murgia

Una serie di iniziative per far conoscere meglio il territorio a turisti e residenti.

Il culmine sarà il ventinove ottobre con un seminario e una mostra itinerante intitolata «Il Piano per il Parco e il Regolamento del Parco» Altamura, Gravina in Puglia, Spinazzola, Minervino Murge, sono soltanto quattro delle tredici cittadine i cui territori, in parte, sono sottoposti a vincoli totali o parziali, dovuti alla presenza del Parco Nazionale dell'Alta Murgia.

Per diversi anni l'istituzione di quest'area protetta è stata avversata, ma il tempo e la caparbietà di non poche persone hanno contribuito alla realizzazione di quello che oggi è un Parco Nazionale, caratterizzato da una massiccia presenza antropica entro i suoi confini, che finalmente si propone come territorio da calpestare, da scoprire.

In mountain bike o praticando trekking i luoghi più suggestivi dell'Alta Murgia non saranno più celati come nel passato, ma fruibili, con l'ausilio di guide, che illustreranno la storia e le specificità del territorio in partenariati con gruppi di ricerca e associazioni presenti sul territorio.

A questo proposito è stato creato un calendario che porterà l'Officina del Piano nei tredici Comuni del Parco con lo scopo di informarne i cittadini: il calendario prevede escursioni a piedi o in mountain bike, eventi di piazza e seminari divulgativi, in collaborazione con il «Gruppo Speleologico Ruvese» e il Centro Studi e Didattica Ambientale «Terrae».

L'Officina del Piano ha il compito di divulgare i contenuti del Piano per il Parco e del Regolamento del Parco, per favorire questo intento sono state realizzate brochure informative con le quali l'Officina si propone di far innamorare non solo i turisti ma, anche e soprattutto, i residenti di questo brullo territorio, per troppo tempo considerato non come patrimonio ambientale e paesaggistico ma poco più di un deserto, arido e inospitale. Dunque la valenza paesaggistica e la ricchezza di biodiversità attualmente riconosciuta fa del territorio dell'Alta Murgia, storicamente povero di risorse e avaro di prospettive, un punto di partenza per il rilancio di un'area afflitta da ataviche problematiche.

Pertanto il Parco Nazionale dell'Alta Murgia si propone di essere all'altezza delle aspettative, «producendo» un calendario di eventi di carattere sportivo e conoscitivo.

Le visite guidate, previste da settembre a gennaio, sono iniziate il venticinque settembre a Gravina in Puglia, con un insolito trekking notturno alla scoperta dei pipistrelli, e hanno avuto seguito a Ruvo di Puglia il tre ottobre e il nove e dieci a Gravina in Puglia e ad Altamura, con varie escursioni in mountain bike; invece il diciassette e il ventiquattro ottobre è stato proposto un percorso di trekking rispettivamente a Spinazzola, presso la Rocca del Garagnone, e Gravina in Puglia, per visitare le grotte e gli Jazzi ai confini del Parco; domenica trentuno ottobre è prevista l'ultima uscita in programma presso la Grotta di San Michele a Minervino Murge.

Il ventinove ottobre è previsto un seminario presso la sala consiliare del Comune di Poggiorsini, in programma anche una mostra itinerante intitolata «Il Piano per il Parco e il Regolamento del Parco».

di Vito STANO
pubblicato su vglobale.it il 28/10/2010

Nessun commento:

Posta un commento