sabato 4 dicembre 2010

Archeologia e 3D, tra passato e futuro

Alla seconda edizione del Festival dell'Innovazione, che si tiene a Bari ogni due anni, le applicazioni 3D incontrano il passato, da ciò nasce un nuovo modo di fruire i resti di insediamenti di antiche civiltà, ma anche nuovi strumenti per chi lavora al recupero e al restauro.

Queste applicazioni non risultano utili soltanto perché legate alle opportunità di rendere fruibile ai turisti chiese rupestri, fortezze o interi villaggi del passato, proponendo ricostruzioni tridimensionali, ma vengono impiegate anche dagli addetti ai lavori.

Scansioni laser e fotogrammetria sono gli strumenti utilizzati per comporre i luoghi e gli spazi virtuali, mutuati da spazi e luoghi fisici semidistrutti o in pessimo stato di conservazione, o, ancora, luoghi come cripte non fruibili al pubblico per motivi di fragilità dei siti.

Il Festival dell'Innovazione offre tanto, un'altra applicazione interessante presentata in questa tre giorni è stata la digitalizzazione di archivi, biblioteche e musei, reso possibile grazie all'uso di uno scanner planetario, che ha dato la possibilità di fruire di testi antichi, altrimenti non più consultabili, archiviandoli in un museo di libero accesso on line.

Continuando a parlare di tecnologia a servizio del passato e della sua conservazione, l'indagine magnetometrica, utilizzata per «radiografare» il suolo in maniera non invasiva, ha reso possibile l'archiviazione di dati sensibili in un database, che permette una visione sinottica degli stessi. Questa applicazione è stata pensata per fare la mappatura di siti sepolti, rendendo visibile l'invisibile e realizzando uno strumento di supporto per studi più approfonditi, oltre che per la gestione del territorio, in relazione a nuove costruzioni.

Esplorazione interattiva, animazioni e visite virtuali, valorizzazione dei siti archeologici attraverso tecniche di comunicazione innovativa, soluzioni innovative per i beni culturali, tecnologie per la scansione del territorio interessato da antichi insediamenti, oltre che strumenti altamente tecnologici per la conoscenza e il restauro vegetazionale, queste le «scoperte», raccontate al festival delle eccellenze pugliesi, concepite nei laboratori scientifici, dai quali team di ricercatori hanno, successivamente, esportato nella società, con gli spin off, le nuove applicazioni, che molti di noi utilizzeranno senza dare il giusto peso alla ricerca e all'innovazione, frutto di passione e investimenti per il futuro.

di Vito STANO
pubblicato su vglobale.it il 04/12/2010

Nessun commento:

Posta un commento